Sotheby’s mette all’asta uno dei Cartier più rari di tutti i tempi: il Cartier Cheich

Scritto da:Andrea David|
9 minuti

Il mitico Cartier Cheich, un orologio dalla storia ricca di trionfi e tragedie, sarà messo all’asta da Sotheby’s a Parigi, il prossimo settembre durante la serie di vendite Luxury Edit.

Si tratta di uno degli orologi più rari e strabilianti di tutti i tempi che fu assegnato al leggendario pilota Gaston Rahier al Rally Dakar del 1985 per aver vinto la Cartier Challenge, la gara più impegnativa del mondo.

In questo articolo andremo a scoprire la storia che si nasconde dietro a quello che, a mio parere, si può ritenere uno degli orologi più belli e particolari di tutti i tempi.

La storia del Cartier Cheich

Cartier Cheich in oro giallo in asta da Phillips
Credits: Sotheby’s

Questo vero e proprio unicorno dell’orologeria, prodotto nel 1983, è nato dalla leggendaria collaborazione tra Cartier e una delle corse transnazionali più famose al mondo, la Parigi-Dakar (oggi conosciuta soprattutto come Rally Dakar).

motociclista con una ktm sulle dune del deserto
Credits: Corsedimoto

Contributo fondamentale alla realizzazione di questo orologio, è stato dato dai due uomini dietro a questi marchi: Alain Dominique Perrin, allora presidente di Cartier, e Thierry Sabine, pilota e fondatore del Rally Dakar.

La loro idea fu quella di premiare il vincitore della Cartier Challenge con un orologio su misura: il Cartier Cheich, per l’appunto. 

Per potersi aggiudicare la vittoria della competizione e, insieme, il Cartier Cheich, il contendente doveva vincere la gara due volte per due anni consecutivi, un’impresa così straordinaria da essere considerata quasi impossibile.

Foto ritratto di Gaston Rahier
Gaston Rahier – Credits: Motocross Action Magazine

Il pilota che riuscì in questa strabiliante impresa fu Gaston Rahier, il quale vinse la sfida nel 1984 e nel 1985 diventando così il primo e unico vincitore del Cartier Challenge e il destinatario dell’orologio Cartier Cheich come trofeo. 

logo del Rally Dakar
Il vecchio logo del Rally Dakar

Disegnato da Jacques Diltoer, l’allora Direttore Creativo di Cartier e Perrin, questo fantastico orologio è stato ispirato dal logo del rally con il volto stilizzato di un Tuareg che indossa uno “cheich”, un tradizionale pezzo di stoffa intorno al capo come protezione dal sole.

Cartier Cheich in oro giallo in asta da Phillips a Parigi settembre 2022
Credits: Sotheby’s

Di questo modello sono stati creati solamente quattro esemplari: dei primi due esemplari, uno è stato omaggiato a Gaston Rahier e un altro è stato creato per una potenziale vincitrice femminile.

Un terzo esemplare fu creato due anni dopo dalla realizzazione dei primi, nel 1985, per un altro possibile futuro campione. 

Il quarto ed ultimo esemplare, attualmente considerato perduto, è stato offerto a Thierry Sabine da Alain-Dominique Perrin. 

Credits: Sotheby’s

Si pensa che questo orologio possa essere stato successivamente donato a Hubert Auriol, un famoso pilota di motociclette francese. Il 1986 avrebbe segnato sia la fine del Cartier Challenge che la fine della produzione del Chartier Cheich. 

Purtroppo, verso la fine del Rally Parigi-Dakar dello stesso anno, Thierry Sabine fu vittima di un incidente in elicottero causato da una tempesta di sabbia. Sebbene la competizione di rally abbia fatto il suo corso quell’anno, nessuno ha vinto la sfida Cartier che è stata successivamente annullata, dopo essersi tenuta per soli quattro anni.

Credits: Sotheby’s

Ad esclusione dell’esemplare che verrà messo in asta da Sotheby’s, offerto dalla famiglia di Gaston Rahier, gli altri due orologi Cartier Cheich si trovano all’interno della collezione di Cartier.

Nonostante condividano tutti e tre il medesimo design, ciascuno presenta dettagli di design unici: quello da donna è di dimensioni più ridotte e con diamanti incastonati, mentre il quadrante del terzo orologio, incorpora indici a bastone e romani allungati e nessun binario.

Gaston Rahier

Nato nel 1947 a Chaineux, in Belgio, è considerato uno dei più grandi campioni del motorsport della storia. 

Credits: Selmar BMW Motorrad

Il “piccolo uomo dalla reputazione di gigante”, soprannome attribuitogli per la sua bassa statura di 1 metro e 57 cm, ha vinto più volte le più importanti competizioni internazionali di corse.

Sfortunatamente, nel 1982 ebbe un terribile incidente durante una gara dove quasi si tagliò una mano. Tuttavia, a differenza da quello che gli fu pronosticato dai medici, grazie alla sua immensa determinazione, l’anno successivo riprese le gare di rally. 

Credits: InMoto

Il 1983, è l’anno della sua prima partecipazione alla Parigi Dakar; purtroppo, in seguito ad una caduta, dovette abbandonare il rally. L’anno dopo partecipò nuovamente e vinse la competizione prima di vincere di nuovo l’edizione successiva nel 1985. 

Gaston Rahier è stato il primo non francese a vincere la Parigi Dakar e l’unico a vincere il Cartier Challenge.

Stima ed ulteriori informazioni sul Cartier Cheich

Credits: Sotheby’s

L’orologio, presentato in ottime condizioni, sarà esposto a Parigi il 30 settembre, prima dell’asta.

La stima per questo unicorno dell’orologeria è compresa tra € 200.000 ed € 400.000.

L’orologio viene consegnato con la sua scatola originale: una custodia di presentazione su misura nel leggendario rosso Cartier con dettagli in oro.

Credits: Sotheby’s

Ulteriore elemento di unicità di questo orologio è dato propio dalla sua scatola dalla forma triangolare curva, che la rende diversa da qualsiasi altra. All’interno, la parte superiore è marcata “Trophée Paris Alger Dakar” sotto la firma di Cartier.

E voi, cosa ne pensate di questo incredibile Cartier?


Fatecelo sapere nei commenti e, come sempre, vi invito a seguire la nostra pagina Instagram per non perdervi alcun aggiornamento live dal mondo dell’orologeria. 

Articoli recenti

COMMENTI

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

AUTORE

Autore
Classe 1994, dall’età di 4 anni con sempre un orologio al polso. Amante e studioso degli orologi vintage, compresi quelli militari, la sua passione si è ampliata verso gli orologi moderni dei brand indipendenti ed emergenti. È infine un membro attivo di un forum italiano del settore.
Back to top

Login

Registrati

Nome*
Cognome*
Email*
Nome utente **
Questo sarà il nome che gli altri utenti vedranno quando commenterai gli articoli
Password*
Conferma Password*
Accetto il trattamento dei miei dati personali da parte di Italian Watch Spotter*

Iscriviti alla nostra newsletter!

Non perderti tutti gli aggiornamenti sul mondo dell’orologeria con i migliori articoli della settimana e i riassunti mensili.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Non perderti tutti gli aggiornamenti sul mondo dell’orologeria con i migliori articoli della settimana e i riassunti mensili.