Il Patek Philippe Nautilus 5711 è fuori produzione? Un’analisi dei rumors

Scritto da:Fabrizio B.|

Il Patek Philippe Nautilus 5711 sarà messo fuori produzione nel 2021… è vero? Metteranno fuori produzione il Nautilus più blasonato di sempre? L’orologio che puoi solo sognare e mai toccare?

Come ogni anno, verso Gennaio e Febbraio si iniziano a diffondere voci di corridoio su quali pezzi scompariranno dal catalogo dei marchi più importanti. Nel 2020 era toccato al Nautilus con quadrante bianco, da molti detto “piano dial” (ricorda un pianoforte), con referenza 5711/1A-011, ma quest’anno sembra sia il turno del quadrante blu, il 5711/1A-010.

Davvero? Il Nautilus blu sarà messo fuori produzione?

Ho ricevuto un messaggio da Claudio, il nostro Social Media Manager, dicendomi di questo rumor che girava su Instagram sul profilo di @patekaholic e qualcun altro. All’inizio ho storto il naso, come dicevo qualche riga prima questo Nautilus è diventato davvero un’ossessione per alcune persone, così come il 5712.

No, non è la mia ossessione, assolutamente. All’inizio del mio percorso nel mondo dell’orologeria il Nautilus non mi piaceva affatto. Al tempo non c’erano nemmeno grosse liste di attesa, al punto che alcuni amici erano anche riusciti ad acquistarlo con un piccolo sconto.

Sembra fantascienza ma il mercato è cambiato in maniera spaventosa negli ultimi anni.

Col tempo ho iniziato a riconoscere il genio di Gerald Genta e ad apprezzarne le linee, la prima volta che ne indossi uno sei quasi stregato dalla comodità del bracciale e da come la cassa si poggia perfettamente sul tuo polso.

Dopo quel messaggio da Claudio ho fatto mente locale e tutto mi è sembrato più plausibile. Per Patek Philippe la collezione Nautilus è stata dirompente in tutti i sensi, nel ‘76 un orologio con bracciale che costa un occhio della testa e per giunta è in acciaio… ci mise qualche attimo a prendere piede sul mercato.

I problemi del Nautilus

Tra il 2015 e il 2021 invece, questa collezione è diventata quasi un problema. Patek non è in grado di soddisfare la domanda e per ovvi motivi non è assolutamente interessata ad aumentare la produzione. La soluzione? mettere il Nautilus fuori produzione. Se pensiamo che la produzione è di circa 60mila pezzi all’anno divisi in 8 collezioni di orologi da polso, ci rendiamo conto che la maison rimane esclusiva anche per questo.

Tolto il fatto che Patek non riesca ad accontentare i propri clienti, un altro problema è stata la distorsione dell’attenzione del grande pubblico da ciò che, a mio avviso, sa fare meglio: complicazioni e grandi complicazioni. Immaginatevi quante opere d’arte sono rimaste invendute in boutique e che probabilmente saranno i Nautilus del futuro…

Un possibile sostituto con referenza 6711?

Ritornando a noi, se dovesse essere vero che il 5711 con quadrante blu sarà fuori produzione dal 2021, io sarei più che contento.

Ma è improbabile che venga discontinuato senza essere rimpiazzato da un nuovo modello! Per supposizione potremmo pensare a una nuova referenza 6711, con un nuovo movimento e qualche accorgimento di design in più. Dai commenti leggevo che a qualcuno piacerebbe la chiusura del Calendario Perpetuo in oro bianco 5740, ma reputo quasi impossibile che venga fatto un upgrade del genere su un solo-tempo in acciaio.

La nuova chiusura a deployante del 5740/1G

In conclusione, sarà solo una notizia messa in giro per far aumentare i prezzi sul mercato secondario? Forse sì, forse no! Con il quadrante bianco il rumor era poi stato confermato.

In qualsiasi caso se spendi 60-70mila euro per un solo-tempo in acciaio, quando con la stessa cifra puoi comprare pezzi davvero pazzeschi… sei un… vabbè, ci siamo capiti!

Tu che dici? Sarà la verità?

Autore

Fabrizio B.
Co-fondatore e COO
Classe 1999. Da una piccola idea, ha dato vita con i suoi soci a quella che è ora tra le pagine di orologeria più conosciute in Italia. Persistenza, totale dedizione e un’instancabile voglia di fare, sono tutto ciò di cui ha bisogno. Prende il ruolo di COO e Chief Editor per i canali social.

Ti potrebbero interessare

Back to top