La Storia E Le Creazioni Di Philippe Dufour

Scritto da:Andrea Muratore|
9 minuti

Questo orologio è un’opera d’arte…” Quante volte ci sarà capitato di dirlo, o sentirlo dire? Certo, questo è un modo per far capire il nostro apprezzamento, ma quand’è che un orologio si può definire realmente tale?

In orologeria si possono tentare strade nuove, materiali nuovi, concetti nuovi, ma se si propone un classico ed un qualcosa di già inventato, allora lo si deve rendere perfetto, curandolo nei minimi dettagli, per offrire al cliente ciò che non può trovare in un prodotto industriale di massa. 

Ogni collezionista è alla continua ricerca della perfezione, che solo una macchina elettronica potrebbe dare, ma che solo la mano dell’uomo sa rendere unica, con i suoi limiti sapientemente controllati. 

Questa è la filosofia di Philippe Dufour, il contorto maestro dell’orologeria, considerato uno dei migliori orologiai indipendenti contemporanei.

(Se ti interessa l’orologeria indipendente, leggi il nostro articolo introduttivo).

La storia

Philippe Dufour mentre fuma la pipa

Nato nel 1948 a Le Sentier, nella rinomata Vallée de Joux, luogo ideale per intraprendere una brillante carriera da orologiaio, grazie al suo clima e la posizione isolata che rendono questa località un baluardo dell’orologeria.

Già nel 1967, all’età di 19 anni, Philippe Dufour aveva ben chiaro che avrebbe percorso la strada dell’orologeria.

Il primo impiego fu presso Jaeger-LeCoultre, un ottimo punto di partenza per farsi strada in questo settore. In seguito, il giovane orologiaio decise di lasciare la sua cittadina e di intraprendere nuove esperienze al di fuori della familiare Vallée de Joux. Si trasferì così in diversi luoghi, tra cui Londra, Francoforte e perfino i Caraibi. 

foto di repertorio di Philippe Dufour negli anni 80 circa seduto al suo tavolo da lavoro

Nel 1974 si aggiunsero altri due nomi prestigiosi al suo già notevole curriculum.

Tornato in Svizzera infatti, lavorò per Gérald Genta ed Audemars Piguet; furono queste due tappe a dare lo slancio a monsieur Dufour che, nel 1978, mise in atto il suo progetto comprando un laboratorio e tutti i macchinari necessari per mettere a frutto la sua creatività ed abilità artigianale. 

Iniziò con il restauro di orologi antichi e particolarmente complessi, attività che non solo gli permise di migliorare le sue capacità orologiere, ma anche di guadagnarsi un’ottima reputazione.

Come si può facilmente immaginare, l’arrivo del suo primo movimento non si fece attendere a lungo. Si trattava della Grande et Petite Sonnerie, un complesso meccanismo che rintocca ogni 15 minuti sia automaticamente che tramite un pulsante, inizialmente progettato per gli orologi da tasca. 

foto di repertorio dei primi meccanismi di Philippe Dufour

La fama di Dufour e i suoi contatti con i produttori, gli permisero di avviare una carriera come orologiaio indipendente, acquisendo clienti come Audemars Piguet che commissionò ben cinque movimenti.

Nonostante la notorietà del suo primo cliente e le 2000 ore di lavoro che Dufour sostiene siano state investite nella realizzazione del movimento, non gli fu permesso di vendere gli orologi con il proprio nome.

A Baselworld del 1992, Philippe Dufour presenta per la prima volta la sua “marca” e stupisce il mondo dell’orologeria con il suo primo capolavoro, l’orologio da polso “Grande et Petite Sonnerie”.

Philippe Dufour Grande et Petite Sonnerie

Ogni suo orologio, è considerato una vera e propria opera d’arte, tanto da poter vantare addirittura la fabbricazione della fibbia e delle viti che la fissano al cinturino.

Nel 1998, viene premiato col prestigioso premio Gaia.

Le sue creazioni

Philippe Dufour padroneggia come pochi la perfezione e la cura dei movimenti, oltre che la loro raffinatezza tecnica. 

Da sinistra a destra le tre creazioni di Dufour: Simplicity, Duality e Sonnerie

È ammirato per la qualità delle sue rifiniture, che realizza interamente a mano, utilizzando strumenti e tecniche tradizionali.

I ponti sono realizzati in ottone rodiato e rifiniti con le classiche strisce di Ginevra. La transizione senza soluzione di continuità tra la cote de Geneve e l’anglage sul lato dei ponti dimostra il livello di abilità dell’orologiaio. 

I più piccoli dettagli – dalla lucidatura nera sul rubinetto della ruota dello scappamento, alle punte drammaticamente affilate dei ponti – sono accuratamente studiati. 

Sebbene il suo approccio possa essere particolarmente oneroso, Dufour sceglie di dare la priorità a queste tecniche tradizionali, rifacendosi a quella che considera l’età d’oro dell’orologeria. Con il movimento al centro dell’attenzione, il resto del design è classico e essenziale.

Il Grande et Petit Sonnerie

ll Grande et Petite Sonnerie scandisce il tempo, senza alcun intervento da parte di chi lo indossa, grazie a piccoli martelli incorporati nel movimento. 

Grand Sonnerie di Philippe Dufour

In qualsiasi momento, la ripetizione minuti può essere attivata anche manualmente, grazie a un pulsante sulla corona. Nonostante la sua notevole complessità, il movimento è stato sviluppato per essere di più semplice utilizzo possibile.

Ruotando la corona in senso orario si carica la suoneria, mentre ruotandola in senso antiorario si ricarica il movimento. L’eccesso di carica è scongiurato grazie a un meccanismo di arresto che impedisce il sovraccarico, simile a quello che si può trovare su alcuni antichi orologi da tasca.

fondello di un Grand Sonnerie di Philippe Dufour

Due cursori sul lato della cassa consentono la regolazione della funzione di suoneria. L’orologio può essere impostato su entrambe le impostazioni Grande Sonnerie o Petite Sonnerie, grazie allo slider a ore 4. 

La Grande Sonnerie batte il numero delle ore, ogni ora, e il numero delle ore e dei quarti ogni quarto. Nel frattempo, anche la Petite Sonnerie batte le ore ei quarti, ma non ripete le ore ad ogni quarto. 

Il cursore a ore 2 viene utilizzato per silenziare o abilitare il meccanismo di suoneria.

sketch esplicativo in cui si spiega il funzionamento del Grand Sonnerie di Dufour

Sarebbe bello se questo orologio potesse essere di proprietà di un collezionista che ne comprenda la filosofia e che voglia indossarlo. È terribile quando gli orologi belli e speciali sono tenuti in cassaforte. Sono fatti per essere indossati, feriti e goduti.

Philippe Dufour

Nel 1999, il maestro Dufour rivela una nuova versione del Grande e Petite Sonnerie, con una leva nascosta per attivare il meccanismo della suoneria, e un nuovo fondello in vetro, che permette al proprietario di ammirare le opere ottimamente rifinite.

Questo orologio aveva un prezzo di CHF 600,000 e disponibile solo su specifica ordinazione diretta a Dufour.

Il Duality

Nel 1996, Philippe Dufour rivendicò il suo posto nei libri di storia dell’orologeria, con la creazione del primo orologio da polso caratterizzato da un doppio scappamento, lanciando il suo secondo modello, il Duality, che incorpora un doppio regolatore.

cassa del Philippe Dufour Duaility

Questa complicazione, già utilizzata negli orologi da tasca, non esisteva negli orologi da polso e permette, grazie ad un differenziale, di dividere per due gli errori di marcia e di ottenere un orologio più preciso.

L’ispirazione per Duality venne da un piccolo numero di orologi didattici della scuola di orologeria Vallée de Joux, la stessa in cui Dufour si diplomò negli anni ’30. Questi orologi da tasca avevano un singolo treno di ingranaggi che trasmetteva potenza a due bilancieri attraverso un differenziale. 

Ridurre questo componente a una dimensione che si adattasse a un orologio da polso è stato uno dei maggiori ostacoli incontrati da Dufour.

rappresentazione grafica del movimento del Philippe Dufour Duality

Alla fine, è riuscito a portarlo alle dimensioni di una testa di fiammifero, dando così più spazio di movimento per i grandi bilancieri che occupano entrambi una notevole quantità di spazio.

Il Duality ha visto il successo immediato, ed è stato proclamato come una meraviglia tecnica.
Al prezzo di CHF 95,000 ciascuno, Dufour ha venduto 10 pezzi di questo capolavoro, cosa non da poco, visto che ogni pezzo è estremamente complicato, e completamente lavorato a mano.

Il Simplicity

Nel 2000, quattro anni dopo aver lanciato il suo secondo orologio, era pronto ad annunciare la sua terza e finora, ultima creazione: il Simplicity.

il Simplicity di Philippe Dufour

Un colpo da maestro che posiziona permanentemente il marchio Philippe Dufour come riferimento dell’orologeria nel 21° secolo. Il maestro della complicazione orologiera non ha finito di sorprenderci. 

Il Simplicity, l’orologio di punta della manifattura, si basa sull’architettura del movimento tradizionale e sulle espressioni artistiche della Vallée de Joux dal 1850 al 1920, considerata da molti l’età dell’oro dell’orologeria tradizionale svizzera. 

fondello con meccanismo a vista del Simplicity di Philippe Dufour

In origine, doveva essere un orologio solo tempo da 34 mm realizzato nella sua solita variante di oro e platino. Il concetto alla base di questo orologio si è leggermente discostato dai due che lo hanno preceduto sia nell’idea che nella produzione. 

Lo stesso Dufour conferma che ne sono stati realizzati circa 215 esemplari e si ritiene inoltre che ci sia un’attuale lista d’attesa di oltre 60 clienti, che desiderano ancora ricevere i loro orologi.

In seguito, Dufour introdusse anche una versione da 37 mm, con quadrante smaltato o guillochè e indici applicati.

Entrambi questi quadranti sono stati prodotti da Metalem, il cui nome è mostrato con orgoglio a ore 6. Un’aggiunta insolita al quadrante che, a quanto pare, è stata inclusa nel contratto tra Dufour e Metalem perché l’ordine originale era così piccolo che il produttore ha posto come condizione che il loro nome potesse apparire sul quadrante. 

Simplicity di Philippe Dufour con quadrante bianco, indici romani e lancette breguet

Una versione di questo orologio, che si ritiene sia unica e non realizzata per un cliente specifico, ha una cassa con diamanti incastonati. Non si tratta di una modifica successiva, come spesso accade, essendo stato realizzato da Dufour in questa esatta configurazione. 

L’arte eterna della tecnica

Il lavoro di Dufour ci obbliga a considerare il fatto che mentre l’orologeria è stata portata avanti da un costante desiderio di innovazione e cambiamento, gran parte del know-how è andato perduto.

Gli orologi Dufour sono fatti per durare e sono realizzati con uno stile eterno, ma ciò che distingue veramente i suoi pezzi, sono le tecniche che utilizza. 

Non sono state inventate da lui, “Non ho inventato nulla”, Dufour è il primo ad ammetterlo, e non sono nemmeno nuove nel modo in cui vengono applicate, ma sono state praticate nella Vallée da quando l’orologeria ha avuto inizio lì secoli fa.

L’unica concessione che Dufour ha fatto ai tempi moderni è l’uso del CAD, o progettazione assistita da computer, durante la progettazione dei suoi movimenti. In effetti, è stato uno dei primi ad abbracciare veramente la nuova tecnologia nel settore. 

“Ho usato alcuni schizzi per il mio orologio da tasca Grande Sonnerie” racconta Dufour, “è tutto ciò di cui avevo bisogno, perché quando chiudevo gli occhi di notte, potevo volare attraverso il movimento. Vedere tutti i piccoli dettagli in tre dimensioni, usando solo la mia mente”. 

Tuttavia, quando si trattò di rimpicciolirlo, per poterlo inserire in un orologio da polso, si accorse di avere bisogno di qualcosa di più preciso.

Si rivolse quindi alla sua vecchia scuola e chiese loro di cosa avesse bisogno per progettare al computer. Un professore gli fornì tutte le specifiche richieste e gli mostrò le basi su come utilizzare il software. 

Dufour è consapevole che i suoi clienti si aspettano perfezione assoluta ed un tocco individuale.

La produzione dei suoi modelli meno complicati dura dalle quattro alle sei settimane, mentre la realizzazione di un Grande Sonnerie Minute Repeater, può richiedere fino a dieci mesi. Potrete immaginare quindi la lunghezza della lista di attesa per acquistare uno dei suoi orologi.

Conclusioni

Philippe Dufour è un nome da ricordare, e non solo per fare bella figura quando si parla di orologi. È simbolo di passione pura e dell’ambizione di diventare il migliore del settore, a prescindere dalle sfide che si presentano.

Dufour ha posto le basi per importanti innovazioni tecniche, come la realizzazione del primo orologio con grande e piccola suoneria.

Allo stesso tempo, è rimasto un grande personaggio, rappresentante del romanticismo dell’industria orologiera, che prende le distanze da grandi corporazioni fatte di produzione automatizzata e campagne di marketing.

il Maestro non ha intenzione di costruire più di 25 pezzi all’anno che, come sempre, esegue su specifica ordinazione del cliente.

A questo punto viene spontanea una riflessione sul significato che oggi si dà alla parola “Manifattura”, che spesso usiamo come valore assoluto per giudicare un orologio. 

Per noi la manifattura è il “fatto in casa” (o in sede nel caso delle grandi industrie), ma il significato più antico del termine sarebbe “fatto a mano”, in modo artigianale.

Ritengo che entrambe le cose abbiano il loro prestigio e che spetta solo a noi decidere cosa ci emoziona di più. 

Philippe Dufour non si può considerare una manifattura moderna ma certamente, lì dove interviene con la maestria che gli appartiene, rispecchia il significato più antico del termine. Il pregio è dato dal lavoro manuale, dall’abilità tecnica e artistica e dall’ingegno tecnico dei suoi meccanismi. 

Articoli recenti

COMMENTI

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

AUTORE

Andrea Muratore
Back to top

Login

Registrati

Nome*
Cognome*
Email*
Nome utente **
Questo sarà il nome che gli altri utenti vedranno quando commenterai gli articoli
Password*
Conferma Password*
Accetto il trattamento dei miei dati personali da parte di Italian Watch Spotter*

Iscriviti alla nostra newsletter!

Non perderti tutti gli aggiornamenti sul mondo dell’orologeria con i migliori articoli della settimana e i riassunti mensili.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Non perderti tutti gli aggiornamenti sul mondo dell’orologeria con i migliori articoli della settimana e i riassunti mensili.