Novità Cartier - Watches & Wonders 2021

Scritto da:Andrea C.|
6 minuti

Per questo Watches & Wonders 2021 Cartier ha svelato un ventaglio di novità ben variegate, potremmo dire “per tutti i gusti”…

In questo primo articolo andremo a fare una velocissima panoramica generale, in attesa di un altro paio di articoli tematici, che copriranno nei dettagli alcuni modelli specifici da noi scelti. Cominciamo!

Novità Cartier 2021: Pasha de Cartier Cronografo

Dopo il ri-lancio del 2020, grosso successo e grande gioia del sottoscritto, abbiamo quest’anno un secondo capitolo, importante come il primo ma meno discusso e meno capito.

Sto parlando del nuovo Pasha de Cartier cronografo, che riporta finalmente i miti giorni in cui questo orologio acciecava gli sguardi dei ruggenti ’80. Il Pasha cronografo è una gran bella mossa, ma va saputo portare. 41mm, considerate le anse ed i tasti con lo zaffiro non sono pochi… sarebbe poi bello, un giorno, vederlo senza data. Ugualmente, è per me un prodigio estetico, e sono più che contento che torni disponibile in negozio. Classe da vendere…

Novità Cartier 2021: Pasha de Cartier 30mm

Anche in questo caso, contenti. Non ce n’era bisogno, ma fa solo bene averlo: il Pasha in 30mm è sicuramente un’alternativa eccelsa per polsi timidi. Non vedo l’ora di provarlo al polso: se adoro rompere le barriere di genere ogni tanto, questo è sicuramente il caso.

Novità Cartier 2021: Pasha de Cartier Squelette (Pantera)

Chiamalo pacchiano, chiamalo cafone, chiamalo brutto… ma non osare farlo davanti a me.
Il Pasha cronografo è una bomba, e nulla si può dire su questo, ma è qua che troviamo la grinta ed il carattere, la modernità, l’opulenza della Cartier moderna. Che un po’ lo ha nel DNA, diciamocelo…

Tutto bello, tutto davvero molto bello, ma ha una pecca.
Fosse stato 35mm avrei detto: “Tacchi alti, pantaloni di pelle, camicia bianca e rossetto rosso. Un po’ stereotipato ma decisamente sexy”. Vedendolo però con cassa da 41mm riesco ad immaginarlo (appropriato) solo per un polso maschile, ugualmente con un po’ troppa presenza. Detto questo, con giusti presenza e portamento vi assicuro che quest’orologio è una dichiarazione d’intenti.

Non rifiuterei mai un flûte di champagne da qualcuno che abbia uno tra questi orologi al polso, ma nemmeno un caffé.

Novità Cartier 2021: Pasha de Cartier “Diamanti Vibranti”

Anni fa lo abbiamo visto sul Ballon Bleu, e vi assicuro che è qualcosa da restare senza parole. L’effetto che questa incastonatura vibrante crea sull’orologio è da pelle d’oca, e sono contento arrivi anche sul Pasha con questa Watches & Wonders 2021. Momento diamanti finito (per ora), ma torneremo!

Novità Cartier 2021: Cloche de Cartier

Il mondo ha bisogno di un altro articolo dedicato a questo orologio. Che dirvi, senza rovinarvi le sorprese che seguiranno in materia? Una cosa posso lasciarmela sfuggire: sono contento sia tornato il Cloche, ma in queste versioni proprio non mi piace. Si salva soltanto l’oro giallo, ma a stento. Indubbiamente, però, è anche questo un buon modo per essere pigri, e fare proprio un oggetto che sul mercato del vintage a fatica si riesce a far saltar fuori.

Sforzo apprezzato, orologio eccelso, ma troppa voglia di esser fantasiosi. Diciamo così: tutta l’estetica di quest’anno non è qua.

Novità Cartier 2021: Cloche de Cartier Squelette

Incredibile ma vero, quest’anno preferisco di gran lunga questa versione a quella più classica. Ciò è parecchio strano considerando i miei gusti talebani in materia di Cartier Collection Privé.

Tuttavia reputo questo orologio un tocco di classe di livello davvero straordinario e sono molto più che curioso di provarlo al polso.

Le versioni scheletrate sono proposte in serie limitata di 50 pezzi per metallo (oro rosa e platino), 20 per la versione in platino e diamanti. Ci vediamo tra 50 anni in una sala di Phillips per capire a quanto andrà venduta quest’ultima. Una vera gemma…

Novità Cartier 2021: Cartier Libre Baignoire Tartaruga e Tortue Serpente

Lo ammetto, mi piace trasportarvi altrove con quello che racconto, e questa volta mi riuscirebbe facile stando zitto.

Cartier Libre nasce con l’intento di rivisitare i pezzi iconici della maison e dargli vita nuova con un’estetica peculiare. Diciamo che ci sono riusciti? Io dico di si.

Quest’anno è la volta di due pezzi di forma della casa: Baignoire e Tortue. Due capolavori, sinonimi di classicità, forme sontuose che vestono il polso perfettamente. E via, ecco che siamo pronti a vederle investite di nuova vita, di colore.

Io penso che questo dannato Covid ci abbia stancati a tal punto da cercare il colore in tutto. Quest’anno abbiamo assistito ad un massiccio e massivo ritorno dei colori, ma trovo che questi due pezzi abbiano superato l’asticella imposta da Watches & Wonders 2021. Che il nostro spirito guida sia la tartaruga o il serpente, solo 60 pezzi sono stati prodotti in totale, 30 per tipo.

Cosa chiedi a Babbo Natale? Una verdetto su chi sia più bravo tra Cartier e Bulgari a concepire questi pezzi.

Novità Cartier 2021: Nuovi Santos

Vado veloce… Diamanti sul Santos medio (si poteva fare molto di meglio…) e due nuove “box” di Santos Dumont.

Ora, il Santos con i diamanti lo dimentichiamo, facciamo finta di nulla. Per il Santos Dumont invece è più articolata la situazione: i due nuovi quadranti sono intriganti anche se mancano di carattere, ma l’idea del set è vincente.

Se ricordate lo scorso anno, i Dumont in edizione limitata hanno davvero stupito il pubblico. Per questo (penso), Cartier si è ispirata ai Latini: Repetita Iuvant. Quindi troviamo due meravigliosi set in legno, ognuno con un Santos ed un paio di gemelli Cartier, in edizione di 100 pezzi per colore.

Io la metto sul ridere ma credetemi se vi dico che ho davvero apprezzato queste due novità, e spero sia una tradizione che negli anni venga preservata.

Novità Cartier 2021: Nuovi Tank Must & Louis Cartier

Mai sentito parlare di “blocco dello scrittore”? È quello che sta succedendo a me in questo momento.
La carica che ho, quando si parla di questa collezione, è tanta, e l’unica cosa che posso dirvi è che mentre scrivo questo sto già scrivendo un altro articolo con la mente su questi orologi.

Per correttezza e, più importante, completezza, facciamo un breve sunto: nuovi Tank Must, quindi la versione “economica” del classico Tank Louis Cartier. Ridisegno della cassa, più fedele all’originale. Tre taglie: XL, L, S, o meglio, XL, grande e piccola (…mi manca una media, ma aspetto la prova al polso). 2 versioni con diamanti (sempre Must, grande e piccola). 3 colori e ricarica fotovoltaica (su alcuni pezzi, non colorati però)!

I colori?! Quello che hanno reso indimenticabili i Must anni 80/90. Personalmente non potevo desiderare di meglio. O forse sì: una versione altrettanto colorata, altrettanto economica, ma soprattutto… le pietre in corona coordinate col quadrante! Eh sì, questo purtroppo trovo davvero sia mancato in queste nuove uscite, ma complessivamente trovo siano una ventata d’aria fresca nel catalogo.

Tank Must vuol dire che tra il 2021 e il 22 noi giovani potremo finalmente comprarci un Tank e portarlo con freschezza, disinvoltura e personalità. un gran regalo all’orologeria attuale, per quanto mi riguarda.

Breve accenno anche ai Tank Louis Cartier: la parola chiave è varietà. Quadranti ben riusciti, nulla da dire, e ancora colore. Unica pecca (e sono stupito…) le corone non coordinate ai colori. Quando si dice “cercare il pelo nell’uovo”.

Questi i miei due centesimi (dicono gli americani) sulle novità di quest’anno, sperando di essere stato utile, piacevole ed esaustivo (impossibile, diciamo almeno conciso). Fatemi sapere i vostri preferiti!

Autore

Andrea C.
Direttore Editoriale
Studente di Ingegneria e appassionato di orologeria da ormai cinque anni, da qualche tempo vive il mondo delle fiere e degli eventi, con precedenti esperienze come redattore ed è attualmente il responsabile dell’online magazine.

Ti potrebbero interessare

Back to top